PARCO di POPULONIA e BARATTI

Il Parco archeologico di Baratti e Populonia si estende per circa 80 ettari tra le pendici del promontorio di Piombino e il Golfo di Baratti ed ospita uno dei siti più importanti della civiltà etrusca sia per le tracce dell'attività siderurgica che per gli aspetti culturali e commerciali che da essa ebbero sviluppo.

Populonia si affermò come punto di approdo strategico di incontro tra le rotte tirreniche che collegavano la Sardegna con la Corsica e l'Etruria, esercitando allo stesso tempo un controllo sui giacimenti minerari del campigliese (attualmente tutelati dal Parco archeominerario di San Silvestro). Tra il VI ed il IV secolo a.C., Populonia divenne il principale centro siderurgico del Mediterraneo nel trattamento del minerale di ematite, estratto all'Isola d'Elba. Populonia si articola in una città alta e in una città bassa, cioè in una zona incentrata sul porto e in un'acropoli posta sul promontorio.

Nel Parco di Baratti e Populonia si possono visitare alcuni tra i più significativi esempi di tombe monumentali. Nella parte più bassa del parco, un percorso guidato vi mostrerà la Necropoli di San Cerbone. Un sentiero vi condurrà al centro di archeologia sperimentale da dove si sviluppano, un percorso naturalistico e la Via delle Cave, che conduce alla Necropoli delle Grotte recentemente scoperta.

 

www.parchivaldicornia.it

     


PARCO di RIMIGLIANO

 

Il Parco di Rimigliano si estende lungo il litorale tirrenico delimitato a nord da San Vincenzo, a sud dal confine con il Comune di Piombino e ad est dalla Strada Provinciale della Principessa, che collega San Vincenzo a Piombino. La fascia costiera protetta copre una superficie di circa 150 ha, per uno sviluppo di circa 6 chilometri lineari di costa.

Nel corso degli anni '80 e '90 sono state realizzate numerose aree pic-nic, panchine, sentieri pedonali provvisti di segnaletica e indicazioni sulle specie vegetali e animali presenti nel parco, docce e servizi igienici pubblici, un punto ristoro in corrispondenza dell’ingresso principale del parco, punti di avvistamento per la fauna.

 

www.parchivaldicornia.it


PARCOGALLOROSE

 

In località "Il Cedrino", subito fuori dal centro abitato di Cecina in direzione sud, lungo la vecchia Aurelia, si trova il Parcogallorose, un parco faunistico dove si possono osservare da vicino centinaia di animali autoctoni ed esotici, volatili, mammiferi, roditori e una serie di attrezzature tradizionalmente usate nel lavoro dei campi. Parcogallorose offre anche un ristorante con piatti tipici della cucina toscana. (tel 348 8883778)


PARCO DI SAN SILVESTRO

 

Il Parco di San Silvestro interessa solo una parte del distretto minerario campigliese, ma ne costituisce il nucleo più importante.
Ciò che caratterizza maggiormente il Parco sono i segni dell'attività estrattiva dei minerali di piombo, rame e argento, un'attività iniziata già nel VII sec. a.C. e protrattasi fino ai giorni nostri.
All'ingresso del Parco, una serie di edifici, costruiti fra la metà del secolo scorso e gli inizi di questo secolo per le attività estrattive, sono stati restaurati ed ospitano il centro visite, i musei del parco ed il punto di ristoro. Qui si trova anche l'ingresso della miniera e da qui partono una serie di percorsi archeominerari che conducono il visitatore alla scoperta del Parco.

 

www.parchivaldicornia.it


PARCO DELLA STERPAIA

 

Il Parco si estende lungo il litorale costiero tirrenico livornese, nel golfo tra Piombino e Follonica.

L’area occupa una superficie compresa nel territorio del Comune di Piombino, così caratterizzata: 17 ettari circa di arenili, per uno sviluppo di circa 10 km di costa; 124 ettari circa tra aree dunali e retrodunali; 155 ettari tra boschi e radure agricole.

 

www.parchivaldicornia.it


PARCO DI MONTIONI

 

Il Parco di Montioni comprende un esteso complesso boscato situato tra la Val di Cornia e la Valle del Pecora nelle colline tra Massa Marittima e Suvereto.

Con una superficie di circa 7000 ettari, Montioni rappresenta il polmone verde della Val di Cornia. L'area del Parco spazia tra i Comuni di Suvereto, Piombino, Campiglia M.ma (in provincia di Livorno) e Follonica (in provincia di Grosseto).

Da qui la denominazione di Parco Interprovinciale.

 

www.parchivaldicornia.it